Top News  
  La Nuovissima Dieta delle tre Ore  
  Writer : Silvia Nava – Redazione Miadieta.it  
  [ 24-12-2007 ]  
 
«Combatti il grasso, elimina un chilo alla settimana senza intaccare la massa magra!»

E’ questo il grido di battaglia Jorge Cruise, eccentrico guru americano adorato da Angelina Jolie, nonché ideatore di una delle diete più richieste del momento: la dieta delle tre ore.

Il programma è nato con il preciso scopo di eliminare la massa grassa senza perdere quella magra. Con le diete a basso contenuto di carboidrati, infatti, si dimagrisce rapidamente, ma medici e nutrizionisti sostengono che questo tipo di alimentazione, a lungo termine, è poco tollerabile e può addirittura provocare problemi di salute.

Secondo Jorge Cruise, invece, la soluzione corretta per dimagrire è mangiare ogni tre ore per ripristinare il metabolismo e bloccare il meccanismo di difesa dalla fame, eliminare i grassi e conservare la massa muscolare magra.

Niente stranezze, dunque: niente pompelmo o zuppa di cavoli, ma nemmeno una dieta povera di carboidrati. La dieta delle tre ore prevede tre pasti leggeri intervallati da spuntini.

Quello che conta di più è tenere sotto mano l’orologio: tra un pasto e l'altro non devono passare più di tre ore, con uno scarto massimo di 15 minuti.

«Come ripeto più volte ai nostri utenti – spiega Viviana Meli, la nutrizionista di Miadieta.it - Bisognerebbe mangiare ogni tre ore per ripristinare il metabolismo e bloccare il "meccanismo di difesa dalla fame", eliminare i grassi e conservare la massa muscolare».

I tre pasti principali sono costituiti da una fettina di pollo, mezzo panino, una ciotola di insalata, mentre gli spuntini devono essere al massimo di 100 calorie. I menù, poi, possono essere differenziati secondo diverse categorie.

Vediamo qualche esempio.

Menù “Meat Lovers”

Colazione (ore 7): due fette di petto di tacchino, un uovo sodo

Spuntino (ore 10): un piccolo brownie (dolce tipico Usa)

Pranzo (ore 13): un toast con prosciutto o carne di manzo, fagiolini in insalata

Spuntino (ore 16): una fetta di formaggio magro

Cena (ore 19): filetto mignon con insalata mista e patate lessate

Menù “Carb Lovers”

Colazione (ore 7): prosciutto e formaggio, tipicamente anglosassone

Spuntino (ore 10): 4 crackers

Pranzo (ore 13): pizza margherita

Spuntino (ore 16): 30 noccioline

Cena (ore 19): fusilli con gamberetti e cavolfiore

Menù “Healty Hearth”

Colazione (ore 7): una mela, uno yogurt, 4 noci

Spuntino (ore 10): due carote

Pranzo (ore 13): insalata mista con pomodori, mango, cipolle, gamberoni

Spuntino (ore 16): una banana

Cena (ore 19): pollo alla piastra con verdure

«Questa dieta – commenta la dottoressa Meli - sottolinea esattamente tutte le basi e i consigli su cui sono impostate le nostre diete: la Mediterranea, la Easy Diet, la Dieta Anticolesterolo, la Dieta Anticellulite. La differenza sta nel peso degli alimenti: noi usiamo la bilancia, mentre Cruise fa il calcolo in base al volume del cibo. Seguendo un’alimentazione di questo tipo – aggiunge la nutrizionista - il dimagrimento sarà più graduale, ma proprio per questo ad essere intaccata non sarà la massa magra, come succede nelle diete troppo drastiche, bensì i depositi di grasso».

Secondo il suo ideatore, la dieta delle tre ore è indicata per chi fa vita sedentaria, facilita la digestione e fornisce energia. Cruise però aggiunge una clausola: l’attività fisica è indispensabile! Quanta? Otto minuti al giorno, preceduti da un discorso automotivante davanti allo specchio, così come suggerisce il suo libro. E’ l’America, bellezza!

Silvia Nava – Redazione Miadieta.it

 
     
   
   
   
______________________________________________
  Top Blogs - iscriviti al club
______________________________
  SONDAGGIO - iscriviti al club
Copyright miadieta.it, 2007. All rights reserved.