miadieta.it
 
Menù e rimedi Anti-influenza
Ormai ci siamo. Complici le temperature, gennaio è considerato dagli esperti il picco massimo di diffusione dell’influenza e delle sindromi parainfluenzali, che questo anno minacciano di mettere a letto circa 10 milioni di italiani con febbre, tosse e dolori muscolari.

Per riuscire a respingere gli attacchi dei virus, che con il freddo caricano “a mille” le loro batterie, bisogna prepararsi per tempo: non solo con il vaccino antinfluenzale, ma anche con un’alimentazione adeguata.

Qual è, allora, il modello di alimentazione più adeguato per combattere il freddo e le sindromi influenzali? A spiegarlo è Giorgio Calabrese, docente di scienze dell’alimentazione all’Università Cattolica di Piacenza e commissario dell’Authority Europea per la sicurezza alimentare.

I cibi più adatti a questo scopo sono quelli ricchi di beta-carotene, un precursore della vitamina A appartenente alla famiglia dei carotenoidi.

I carotenoidi, infatti, oltre a stimolare un’azione anticorpale più imponente,  svolgono funzioni protettive sul timo, una ghiandola che si trova sotto la tiroide e che, se funziona regolarmente, produce molti linfociti T, detti anche “Killer”, che abbattono tutti gli agenti infiammatori e infettivi. Nel frattempo il timo secerne anche tre sostanze ormonali preziose per la difesa dell’organismo: timopoietina, timosina e “fattore timico del siero”.

Carote, zucca, patate, pomodori, spinaci, carciofi, barbabietole rosse, broccoli e cime di rapa sono ricchi di beta-carotene, e quindi devono essere considerati gli alimenti base della Dieta anti-Influenza.

Ma è importante anche introdurre tanta vitamina C, contenuta in grandi quantità in agrumi, pomodori, kiwi, ananas, frutti di bosco, broccoli, cavolfiori, prezzemolo peperoni.

Infine, non si deve tralasciare la preziosa vitamina E contenuta nel germe di grano, nella mandorle, nelle nocciole e in abbondanza nelle patate, nei semi di girasole secchi, nell’olio extravergine di oliva e nell’olio di semi.

Sempre secondo il professor Calabrese, nella dieta anti-freddo e anti-influenza possono trovare spazio anche i cosiddetti “rimedi della nonna” rubati alla tradizione popolare.
Il vin brulè, ad esempio, può essere davvero utile per scaldarsi in montagna o quando si deve stare molto tempo all’aperto, ma va consumato con moderazione: durante la cottura la maggior parte dell’alcol evapora, ma il complesso idroalcolico che resta può risultare poco digeribile, e alla lunga provocare fastidiose gastriti.
La stessa attenzione va riservata agli alcolici tipici dell’inverno come whiskey, cognac, amari, grappe e altri distillati: in un primo momento regalano una piacevole sensazione di calore, ma l’azione vasodilatatrice dell’alcol porta in poco tempo ad un rapido quanto pericoloso raffreddamento.

Un rimedio tradizionale che invece non ha controindicazioni è la classica tazza di latte caldo con un cucchiaio di miele, che trova validi riscontri scientifici. L’accoppiata latte e miele, infatti, è ottima perché si introducono nell’apparato digerente due alimenti di grande importanza nutrizionale, ricchi di sostanze nobili e in grado di produrre subito energia utile per combattere il raffreddamento e sostenere l’organismo nella sua lotta contro i virus. Attenzione, però, a non esagerare: sia il latte che il miele sono molto ricchi di zuccheri semplici come il lattosio, il glucosio e il fruttosio, che alla lunga provocano difficoltà di smaltimento causando  la riduzione del numero di neutrofili e linfociti nel sangue, che sono i difensori dalle malattie infettive contagiose come il raffreddore o l’influenza.

Insomma, questi rimedi possono essere salutari nell’immediato ma non si rivelano sempre definitivamente risolutivi dei malanni stagionali legati al freddo. Meglio allora puntare sulle sostanze utili e sicure come le vitamine e il beta-carotene, seguendo uno schema alimentare simile a questo:

Colazione: succo di arancia, uvetta, yogurt magro bianco.
Spuntino: un kiwi.
Pranzo: succo di mirtilli, pane integrale, broccoli, mozzarella.
Merenda: spremuta d’arancia.
Cena: insalata di spinaci e pomodori con semi di girasole; pollo e peperoni alle spezie, carote al vapore, riso integrale e macedonia di frutta.


Aggiungi ai preferiti Subscribe
sponsor:
 
sponsor:
 
sponsor:
 
sponsor:
 
Centri Info Diete
Dieta mediterranea Dieta ufficio Dieta 40-30-30 Dieta Anti cellulite
Dieta per Colesterolo - Anticolesterolo Easy Diet Dieta Vegetariana Dieta No Lattosio
Dieta Diabete Dieta Atkins Dieta Lemme Dieta Menopausa
Dieta 1200 Calorie Dieta Allattamento Dieta Ipertensione Dieta Diverticolite - Diverticolosi
Dieta Glicemia Dieta Depurativa Dieta Plank Dieta Ipolipidica
Dieta Iposodica Dieta Vegana Dieta Stitichezza Dieta Celiachia
Guide e Risorse
Diete Cellulite Dimagrire Fame Nervosa
Metabolismo Vip a Dieta Testimonianze  
Test & Tools
Tour Guidato Audio/Video Test: Le Tue Porzioni sono Giuste? Test: Quante Vitamine/Minerali Assumi?
Test: BMI e Profilo Dieta Calcolo Calorie Alimenti NEW