miadieta.it
 
5 peggiori nemici della linea a Natale
Il Natale si festeggia il 25 dicembre, su questo non ci sono dubbi. Ma le tavole italiane, ahi noi, si vestono a festa ben prima della fatidica data. Con il risultato che l’intero mese di dicembre si trasforma in un vero e proprio percorso a ostacoli per chi desidera seguire una dieta.

A confermarlo è un nuovo studio dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano (OGP), che registra in modo preciso la crescita del consumo di alimenti ad alto tenore calorico durante le feste.

Questi, in particolare, i 5 nemici della linea che abbondano sulle tavole a dicembre:

FRUTTA SECCA. Secondo i dati dell'Osservatorio, in inverno, e a dicembre in particolare, il consumo di arachidi, mandorle, nocciole, noci e pistacchi aumenta del 50%.

MAIONESE. Sotto Natale se ne consuma addirittura l'80% in più rispetto al resto dell'anno, spiega Maria Letizia Petroni, nutrizionista Auxologico Italiano di Piancavallo (VB) e Coordinatore Scientifico dell'Osservatorio Grana Padano.

AFFETTATI. Sempre in questo periodo dell'anno, si verifica un aumento nel consumo di salsiccia e mortadella del 38%, di salame e coppa del 26%.

CIOCCOLATO. A Natale se ne mangia il 58% in più, ovvero più del doppio rispetto agli altri mesi. E se piccole quantità di cacao fanno bene alla salute e alla circolazione sanguigna in particolare, un consumo eccessivo comporta un aumento extra di calorie e di zuccheri, che si traducono in un incremento considerevole della glicemia.
BURRO. Il suo consumo aumenta a dicembre del 47%, complici le ricche ricette invernali e natalizie tipiche della tradizione nordica.

Gli effetti negativi di una simile dieta sono potenziati anche da una maggiore sedentarietà tipica dei mesi freddi e dall'eccessivo riscaldamento degli ambienti che ostacolano l'attivazione del grasso bruno, che è quello che permette la dissipazione di energia sotto forma di calore. Ecco allora i consigli degli esperti dell’Osservatorio Nutrizionale Grana Padano per “alleggerire” i pasti di dicembre:

  1. Utilizzare come base per il soffritto vino bianco (l'alcool evapora con la cottura) o brodo sgrassato, che consentono di limitare l'uso di olio e burro
  2. Preferire ove possibile le cotture al vapore o alla piastra a quelle tradizionali
  3. Limitare il più possibile l'utilizzo del sale per insaporire i piatti, cercando invece di esaltare con spezie ed erbe aromatiche il gusto naturale degli alimenti
  4. Scegliere ricette che prevedano l'utilizzo di verdure nella loro preparazione
  5. Spostarsi preferibilmente a piedi, utilizzando calzature antiscivolo, e preferire le scale al posto dell'ascensore.


Aggiungi ai preferiti Subscribe
sponsor:
sponsor:
 
 
sponsor:
 
Centri Info Diete
Dieta mediterranea Dieta ufficio Dieta 40-30-30 Dieta Anti cellulite
Dieta per Colesterolo - Anticolesterolo Easy Diet Dieta Vegetariana Dieta No Lattosio
Dieta Diabete Dieta Atkins Dieta Lemme Dieta Menopausa
Dieta 1200 Calorie Dieta Allattamento Dieta Ipertensione Dieta Diverticolite - Diverticolosi
Dieta Glicemia Dieta Depurativa Dieta Plank Dieta Ipolipidica
Dieta Iposodica Dieta Vegana Dieta Stitichezza Dieta Celiachia
Guide e Risorse
Diete Cellulite Dimagrire Fame Nervosa
Metabolismo Vip a Dieta Testimonianze  
Test & Tools
Tour Guidato Audio/Video Test: Le Tue Porzioni sono Giuste? Test: Quante Vitamine/Minerali Assumi?
Test: BMI e Profilo Dieta Calcolo Calorie Alimenti NEW